Archiv

16 dicembre 2020
La Sezione Friborgo è stata definitivamente sciolta
16 dicembre 2020

La Sezione Friborgo è stata definitivamente sciolta

La Sezione Friborgo è stata definitivamente sciolta dalla task force facente capo al cassiere Kurt Ming. Ne consegue che sportpress.ch conta ormai più solo su 15 Sezioni. Undici  ex membri delll'associazione friborghese sono passati alla Sezione Vaud.

I colleghi che rinunciano a un'affiliazione entro la fine dell'anno, perdono anche quella a sportpress con effetto 1° gennaio 2021. Il comitato centrale di sportpress.ch ringrazia Kurt Ming per il suo instancabile e pluriennale impegno a favore della Sezione Friborgo.

14 dicembre 2020
Roger Federer et Vreni Schneider encore plus dans l’histoire
14 dicembre 2020

Roger Federer et Vreni Schneider encore plus dans l’histoire

La Suisse est un pays de skieurs, mais le plus grand sportif de son histoire tient une raquette dans la main. Roger Federer a été logiquement couronné lors de la soirée des Sports Awards à Zurich.

L'homme aux vingt titres du Grand Chelem partage les lauriers avec Vreni Schneider, qui a été désignée comme la meilleure sportive suisse de ces septante dernières années. Comme celui de Roger Federer, le succès de la skieuse glaronnaise ne souffre aucune discussion.

Entre 1987 et 1995, Vreni Schneider a remporté trois titres olympiques, trois titres mondiaux et à trois reprises aussi le classement général de la Coupe du monde. A eux deux, le Bâlois et la Glaronnaise totalisent douze distinctions de sportif(ive) de l'année, sept pour le tennisman et cinq pour la slalomeuse.

Le plus beau joyau

Considéré comme le plus grand joueur de tous les temps d'un sport universel, Roger Federer est le plus beau joyau du sport suisse. Même si Rafael Nadal compte lui aussi vingt titres majeurs, le Bâlois est bien le grand maestro du tennis. L'extraordinaire fluidité de son jeu, son élégance, sa longévité, sa faculté d'inventer des coups venus d'ailleurs et sa résilience qui lui a permis de remporter tant d'improbables victoires ont bâti sa légende.

Depuis son retour gagnant en 2017, chacune de ses apparitions sur un court cultive, ainsi, un côté messianique que seul peut-être Michael Jordan a pu rencontrer en son temps sur les parquets de la NBA. De Melbourne à New York en passant par Paris et Londres, le Bâlois est porté par la ferveur d'un public parfois bien trop partisan. Mais on n'oubliera pas que Roger Federer s'attache, dans les quatre coins du monde, à avancer sa "suissitude" pour rappeler qu'il a grandi dans un pays où il fait bon vivre.

Une belle longueur d'avance

En l'absence de Martina Hingis parmi les nominées - La Saint-Galloise a payé au prix fort un moment d'égarement un jour à Londres qui lui a valu une suspension pour dopage -, Vreni Schneider possédait une belle longueur d'avance sur Erika Hess et sur Denise Biellmann, pour lesquelles les souvenirs sont peut-être plus lointains.

Comme Roger Federer, celle que l'on a surnommé "Gold Vreni" a très vite su se faire aimer par tout un pays. Sa classe folle tranchait ainsi avec sa simplicité, symbolisée par son amour du tricot. Malgré les succès, elle a toujours su garder les pieds sur terre comme pour rassurer un pays qui aspire toujours à une certaine quiétude.

Finaliste malheureuse du Championnat du monde de Copenhague, l'équipe nationale de hockey sur glace 2018 obtient elle le titre de meilleure équipe de tous les temps. Victorieuse de la Finlande en quart de finale et du Canada en demi-finale, la sélection de Patrick Fischer devait échouer sur le fil face à la Suède pour la conquête de l'or. Emmenés par un formidable Roman Josi, les Suisses ne devaient s'incliner qu'à la loterie du "shootout" dans cette finale qu'ils auraient pu, dû gagner mille fois.

Jean-Pierre Egger: le goût de la découverte

Heurtée peut-être par la seule présence de Lise-Marie Morerod parmi les douze nominés pour les mérites individuels, la Romandie a été tout de même à l'honneur lors de cette soirée. Jean-Pierre Egger est, en effet, le meilleur entraîneur suisse de l'histoire. Ancien recordman de Suisse du lancer du poids et Champion de Suisse à neuf reprises de 1971 à 1980, le Neuchâtelois a mené Werner Günthör bien sûr mais aussi la Néo-Zélandaise Valerie Adams vers les sommets de sa discipline de prédilection. Mais Jean-Pierre Egger a su, surtout, découvrir de nouveaux horizons avec Alinghi en voile, les Grasshoppers et l'Olympique de Marseille en football, l'équipe de France en basketball, Simon Ammann en saut à skis et Matthias Sempach en lutte libre.

La plupart du temps, ces expériences ont été couronnées de succès à l'image de la conquête de l'argent des basketteurs français aux Jeux de Sydney. Celui qui aime répéter "partager les mêmes rêves que ses athlètes" a été - logiquement - préféré à l'ancien entraîneur du HC Davos Arno Del Curto et au "sorcier" autrichien Karl Frehsner qui a longtemps dirigé les skieurs suisses.

Enfin, Heinz Frei a été désigné comme le plus grand athlète paralympique de l'histoire. Titré à.quinze reprises aux Jeux paralympiques, le Bernois s'est affirmé comme un immense champion après avoir été victime à l'été 1978 alors qu'il était âgé de 20 ans d'un terrible accident lors d'une course de montagne.

 

Photo de groupe des gagnants : Jean-Pierre Egger, Roger Federer, Raphael Diaz (capitaine de l'équipe nationale de hockey sur glace), Vreni Schneider, Dominic Stricker, Heinz Frei (©SRF/Valeriano Di Domenic)

(pd)

3 dicembre 2020
La crème de la crème des 70 dernières années
3 dicembre 2020

La crème de la crème des 70 dernières années

Qui est le numéro 1 absolu du sport d'élite suisse? Les meilleur.es athlètes suisses récompensé.es depuis 1950 seront à nouveau mis.es à l'honneur à l’occasion de l'édition spéciale «Sports Awards: la crème de la crème des 70 dernières années». Les meilleur.es athlètes des catégories Sportive, Sportif, Equipe, Athlète paralympique et Entraîneur seront désigné.es parmi l’ensemble des lauréat.es récompensé.es. Cette édition spéciale sera présentée par Sandra Studer et Rainer Maria Salzgeber et retransmise en direct le 13 décembre 2020 à partir de 20 h 05 sur SRF 1, RTS Deux et RSI LA 2.

Trouvez tout sur les Sports Awards 2020 sur ce site

10 settembre 2020
le star dello sport degli ultimi 70 anni
10 settembre 2020

le star dello sport degli ultimi 70 anni

Chi è il numero Uno in assoluto nello sport svizzero d’eccellenza? In occasione della cerimonia «Sports Awards – le star dello sport degli ultimi 70 anni», saranno candidati al riconoscimento i già vincitori e le già vincitrici della lunga storia del premio. Durante la trasmissione del 13 dicembre 2020 saranno premiate in tutto cinque categorie.

Come da tradizione, anche a fine 2020 nell'ambito degli «Sports Awards» saranno onorate le star dello sport svizzero. Tuttavia, a causa della pandemia di coronavirus, per la prima volta nella storia del premio l'attenzione non sarà rivolta alle personalità sportive di maggior successo dell'anno in corso, ma alle migliori dalla nascita della cerimonia di premiazione. È quanto deciso dal comitato di nomina degli «Sports Awards», composto da Swiss Olympic, Athletes Commission di Swiss Olympic, sportpress.ch e dalla SSR.

Gala in diretta condotto da Sandra Studer e Rainer Maria Salzgeber

Domenica 13 dicembre 2020, la SSR organizza il gala televisivo «Sports Awards – le star dello sport degli ultimi 70 anni». I premi saranno assegnati nelle categorie «Sportiva», «Sportivo», «Squadra», «Sportivo/a paralimpico/a» e «Allenatore/trice». In lizza vi saranno le personalità finora vincitrici del riconoscimento dalla prima cerimonia avvenuta nel 1950.

La trasmissione sarà condotta da Sandra Studer e Rainer Maria Salzgeber e andrà in onda in diretta dalle 20.05 su SRF 1, RTS 2 e RSI LA 2. Secondo lo stato attuale della programmazione, e se le norme vigenti in dicembre relative al coronavirus lo consentiranno, lo spettacolo live si svolgerà in studio con un pubblico ridotto. Il numero degli ospiti in studio e il piano di protezione di riferimento sono in linea con le direttive dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

Premiati riuniti nella Sports Awards Academy

La Sports Awards Academy è responsabile delle nomine di quest'anno. Questo speciale comitato è stato fondato appositamente per l'edizione 2020 ed è composto dai vincitori e dalle vincitrici nelle categorie «Sportiva», «Sportivo», «Sportivo/a paralimpico/a», «Allenatore/trice», «Newcomer», «MVP» (Most Valuable Player, ossia sportivo/a che ha eccelso in una disciplina di squadra) e «Premio d’onore».

Ad essere nominate saranno sei personalità designate dalla Sports Awards Academy per ciascuna delle categorie «Sportiva», «Sportivo» e «Squadra». La migliore «Sportiva» e il migliore «Sportivo» dal 1950 saranno decisi in diretta dal pubblico televisivo attraverso un televoto. Per quanto riguarda invece la nomina della migliore «Squadra», il pubblico può esprimere il proprio voto online prima della trasmissione televisiva andando sul sito www.sports-awards.ch e scegliendo tra sei team. I voti del pubblico e della Sports Awards Academy conteranno ciascuno per il 50%. I vincitori e le vincitrici delle categorie «Sportivo/a paralimpico/a» e «Allenatore/trice» saranno invece decisi direttamente dalla Sports Awards Academy.

Nomine tradizionali per il premio «SRF 3 Best Talent Sport»

Come lo scorso anno, anche nel 2020 sarà assegnato il premio «SRF 3 Best Talent Sport». La scelta del vincitore o della vincitrice avverrà secondo le consuete condizioni, poiché questo riconoscimento non si basa solo sulle prestazioni raggiunte nell'anno in corso, ma anche sul talento e sulle prospettive dei candidati e delle candidate. Radio SRF 3 organizza la premiazione del «Best Talent Sport», che viene designato attraverso il voto online degli ascoltatori. Il verdetto sarà annunciato per la prima volta in diretta nell'ambito della trasmissione di domenica sera.

«Un segnale di ottimismo e coesione per il mondo sportivo»

Roland Mägerle, responsabile SRF Sport e Business Unit Sport SSR, afferma: «Anche in questi tempi difficili, offriamo a fine anno una degna piattaforma allo sport svizzero inviando un segnale di ottimismo e coesione per il mondo sportivo. Proprio nel 2020 tale settore ha bisogno di ancora più attenzione. Gli omaggi ai migliori e alle migliori e la retrospettiva dei 70 anni di "Sports Awards" promettono un'entusiasmante trasmissione in diretta ricca di emozioni».

(pd/foto: Valeriano Di Domenico)

10 settembre 2020
Corso di formazione 2020: Colto nel segno
10 settembre 2020

Corso di formazione 2020: Colto nel segno

Il corso di formazione continua organizzato quest’anno da Sportpress.ch verteva sul tema “video con il cellulare”. Nello Studio 1 di Wallisellen Roman Lehmann ha introdotto i partecipanti alla dimensione dei filmati e delle riprese. A seguito del gran numero di richieste, i corsi sono diventati due, a dimostrazione di quanto il tema fosse attuale. Tra i partecipanti figuravano fotografi, redattori, giornalisti televisivi e radiofonici, esperti di comunicazione. Erano molti i settori della comunicazione in ambito sportivo a essere rappresentati.

Il tema ha colto nel segno. Per introdurre il corso, Roman ha proiettato il cortometraggio “Die letzte ihrer Art”, un documentario girato con il cellulare sul velodromo di Zurigo Oerlikon. Accanto alla pausa caffè e al pranzo, per i partecipanti è stato l’unico momento di relax. Perché dopo si è proceduto colpo dopo colpo, con una sequenza di argomenti quali la luminosità, la stabilizzazione, gli obiettivi, i piani di ripresa. Con concetti quali autofocus, hang loose, che ora non sono più termini sconosciuti ai corsisti.

Grazie all’app Filmic Pro tutto quello che è stato insegnato ha potuto essere messo in pratica. In piccoli gruppi di due sono stati pensati e realizzati piccoli filmati. Il risultato di alcuni di questi è stato notevole. Quelli che sono stati presentati al termine del corso non erano ancora degni di un Oscar, ma erano godibili, tenuto conto del poco tempo a disposizione per la cura nei dettagli.

Ora per i partecipanti si tratta di esercitarsi, e ancora esercitarsi. Nessuno può dirsi arrivato, nemmeno del mondo dei filmati con il cellulare. La base, però, è stata posta. Il corso ha svelato le opportunità tecniche che ci sono. A chi ha voglia di armeggiare e giocherellare con lo smartphone, non vengono posti limiti. Il tema è in continua evoluzione. La voglia di approfondirlo va di pari passo.
 

Christian Finkbeiner

7 settembre 2020
Nuovo termine per gli Aips Media Awards
7 settembre 2020

Nuovo termine per gli Aips Media Awards

A seguito della situazione legata al Covid-19 che permane difficile, l’Aips ha deciso di prolungare di un mese il termine per l’annuncio agli Aisp Awards Sport Media. I giornalisti hanno tempo fino al 9 novembre per inoltrare i laro lavori.

“Molte manifestazioni sportive - ha spiegato il presidente di Aips Gianni Merlo - sono state rinviate in ottobre. Vogliamo permettere a tutti i colleghi di allestire dei lavori che trattano anche di questi eventi”. Ne consegue che i lavori che vengono pubblicati o presentati tra l’8 ottobre e il 9 novembre possono essere ancora annunciati attraverso www.aipsawards.com. La cerimonia degli Awards dovrebbe svolgersi in aprile.

Ecco la dichiarazione dell'AIPS (pdf)

1 luglio 2020
Giornata di formazione continua 2020
1 luglio 2020

Giornata di formazione continua 2020

Sportpress.ch si impegna ogni anno a offrire una giornata di formazione continua. Dopo aver trattato i temi “stampa scritta” e “radio”, quest’anno verrà considerato l’ambito “tv/video”. Grazie al sostegno della Sezione Zurigo proponiamo quindi il corso seguente:

“Produzione video con lo smartphone”. Dopo questa formazione disporrete di un video completo, conoscerete le app più utili ai vostri progetti e i relativi aiuti tecnici per la realizzazione di filmati che possono tornarvi utili nella vostra attività. Saprete fare delle buone registrazioni con audio di alta qualità e sarete in grado di tagliare e comporre filmati sul vostro cellulare.

Questa giornata di formazione si svolgerà al centro di formazione dello “Studio 1 Gmbh” a Wallisellen. Proponiamo due date: lunedì 24 agosto e martedì 1 settembre. Il numero massimo di partecipanti è 10. Sportpress richiede un pagamento di fr. 50.-, tale quota deve essere versata prima dell’inizio del corso. Verranno considerate le iscrizioni in ordine di ricezione via admin@sportpress.ch. Il termine di iscrizione è il 9 agosto.

2 luglio 2020
Decesso d'André Winckler
2 luglio 2020

Decesso d'André Winckler

La sezione Friborgo piange l'improvvisa perdita del suo presidente nonché presidente onorario André Winkler, stroncato da un infarto a 68 anni nella notte tra il 1 e 2 luglio. Il comitato di Sportpress.ch si stringe attorno a famigliari e conoscenti ed esprime loro le più sentite condoglianze.

5 giugno 2020
Lanciati gli Awards Aips 2020
5 giugno 2020

Lanciati gli Awards Aips 2020

L'Associazione internazionale giornalisti sportivi (Aips) ha avviato la procedura per la partecipazione agli Awards Aips 2020.

Chi fosse interessato trova tutti i dettagli al link.

10 aprile 2020
l comitato di sportpress.ch cerca nuovi membri
10 aprile 2020

l comitato di sportpress.ch cerca nuovi membri

Quattro membri del comitato di sportpress.ch hanno annunciato le dimissioni per l’assemblea dei delegati del 30 ottobre 2020. Sono la presidentessa Janine Geigele, Pius Rüegger (per raggiunti limiti di servizio), Stefan Baumgartner e Peter Birrer.

Accanto alle candidature da parte delle sezioni, sono benvenute anche proposte individuali. Le candidature possono essere spedite allo sportello di sportpress.ch (admin@sportpress.ch). Il termine è fissato in venerdì 11 settembre 2020. La condizione è il regolare svolgimento della suddetta assemblea dei delegati. Non dovesse essere il caso, il comitato si riserva di fornire ulteriori informazioni in un secondo tempo.

9 aprile 2020
Novità dalle sezioni
9 aprile 2020

Novità dalle sezioni

La sezione San Gallo cambia denominazione in sezione Svizzera Orientale (Ostschweiz). Il cambiamento è stato deciso in occasione dell’assemblea dello scorso 22 febbraio. Sulle tessere Aips che saranno rinnovate alla fine dell’anno verrà indicata la nuova abbreviazione OS-xxxx.

Dal 10 febbraio la sezione Ginevra ha un nuovo presidente nella persona di Blaise Bugyil, il quale succede a Philippe Roch, in carica per otto anni. Sportpress.ch ringrazia Philippe per il suo impegno e gli augura il meglio in vista della pensione della quale beneficerà a partire dall’estate.

23 marzo 2020
Il coronavirus ammutolisce al giornalismo sportivo
23 marzo 2020

Il coronavirus ammutolisce al giornalismo sportivo

La crisi legata al coronavirus ha messo il lucchetto allo sport a livello globale, condannando all’inattività anche i membri di sportpress.ch. Il Comitato di sportpress.ch è conscio che molti degli affiliati temono per il proprio futuro e che molte riunioni e sedute delle Sezioni sono state rinviate o cancellate. Il Comitato affronterà le delicata questione a inizio aprile.

Fino ad allora sportpress.ch vi rimanda ai seguenti link:

https://www.impressum.ch/it/il-mio-diritto/covid19-aiuto-per-i-giornalisti/

https://www.impressum.ch/it/content/details/translate-to-italienisch-32-milliarden-paket-was-fuer-journalistinnen-und-journalisten-drin-ist-und-reminder-an-wichtiger-umfrage-teilnehmen/?tx_news_pi1%5Bcontroller%5D=News&tx_news_pi1%5Baction%5D=detail

https://www.impressum.ch/it/content/details/translate-to-italienisch-impressum-verlangt-vom-bundesrat-bewegungsfreiheit-und-zugang-fuer-journalist-innen-br/?tx_news_pi1%5Bcontroller%5D=News&tx_news_pi1%5Baction%5D=detail

https://de.surveymonkey.com/r/GYZNZV3?lang=fr

5 marzo 2020
Misure severe di Sportpress.ch contro l’abuso della tessera o le falsificazioni
5 marzo 2020

Misure severe di Sportpress.ch contro l’abuso della tessera o le falsificazioni

Per l’ennesima volta sportpress.ch è stata messa al corrente di un abuso della tessera. Il comitato stigmatizza e denuncia la falsificazione della tessera di giornalista sportivo e la relativa richiesta illegale di un accredito per un evento sportivo.

È compito e dovere di sportpress.ch tutelare i propri membri da pratiche scorrette di questo genere. L’abuso di una tessera di sportpress.ch non è una bazzecola, bensì può avere pesanti conseguenze penali. Il comitato, in casi come quello segnalatogli, si riserva di procedere nei confronti del colpevole in ogni modo possibile, sia esso la denuncia, il blocco della tessera, la denuncia a Aips, ecc.)

News

2 novembre 2021
Gerard Bucher nuovo presidente di Sportpress.ch
#bittelesen: Una giornata per tutti i membri al corso di base
5 maggio 2021
Due sponsor di lunga data rinunciano
Presseausweis
Presseausweis
Grundkurs
Grundkurs